L’ho chiamato con il nome del mio ex

TUTTI GLI ARTICOLI

Ok non è gravissimo. A volte può capitare (si spera che sia all’inizio di una conoscenza e non dopo molto tempo) di chiamare il proprio attuale partner con il nome di un altro. Tuttavia, in questi casi spiegargli le tue buone intenzioni e poi allontanarsi lasciando una finestra di comunicazione aperta qualora decidesse di tornare credo che sia la soluzione migliore.

Se non si fida più di te non è a causa della tua associazione mentale, ma forse per altri motivi più profondi. In questi casi provare a “riavvicinarsi” cercando in tutti i modi di assecondarlo può creare l’effetto inverso, sarebbe come evidenziare il tuo “errore”, cosa che ti sconsiglio di fare vivamente

Cosa posso fare per farmi perdonare e dimostrargli che lo amo ?

TUTTI GLI ARTICOLI

In questo caso perché non fare un’analisi generale di quelli che sono stati gli atteggiamenti che tu definisci sbagliati? Più che farti perdonare e “presentarti sotto casa sua” sarebbe ottimale lasciare una finestra di comunicazione potenziale aperta. Dirgli cose come “qualora ne avessi voglia sono pronta a parlare e a scusarmi per i miei comportamenti”, mettendo da parte un gran pezzo di orgoglio può aumentare le possibilità che questo si avvicini di nuovo a te. Ovviamente una volta detto dovrai lasciargli spazio senza continuare a pressarlo per ottenere attenzioni.

Chiaro è che la domanda da farti sarebbe: quanto sono in grado di mettere da parte l’orgoglio e modificare i miei atteggiamenti? Se sei MOLTO in grado allora forse potresti riuscire a creare qualcosa di potenzialmente funzionale con lui qualora decidesse di ritornare.

Sulle relazioni virtuali e innamoramento online

TUTTI GLI ARTICOLI

Le relazioni virtuali non sono mai qualcosa di “funzionale” nel lungo termine. Come ci si può aspettare di conoscere e/o di innamorarsi|infatuarsi di qualcuno che alla fine dei conti non abbiamo mai visto dal vivo? E’ difficile. L’idealizzazione dell’altro, l’innamoramento di un possibile prospetto, quello è forse ciò che ci spinge a pensare che sarebbe fantastico un giorno incontrare colui che nel virtuale ci ha corteggiati ed amati. La soluzione però credo sia molto più semplice, onde evitare che lui ti stia usando per le sue attenzioni virtuali, sarebbe ottimale rifarsi a possibili uscite e far si che sia lui ad organizzare un possibile appuntamento.

D’altro canto, se siamo noi ad assecondare una relazione virtuale, non possiamo aspettarci che anche dall’altra parte non ci sia una persona che ci sta usando solo per attenzioni virtuali. Sarebbe giusto abbassare pesantemente le aspettative per evitare eventuali spiacevoli risultati attesi.

Da quando pratico il no contact con un mio amico con cui ho litigato, si fa vedere nei posti dove sa di potermi incontrare

TUTTI GLI ARTICOLI

Il successo del no contact!

Quando lui applica atteggiamenti simili stai pur certa che l’effetto “aumento di valore” c’è stato. Questo è dovuto ad un semplice meccanismo di ripresa di valore che avviene quando togli la tua presenza. A prescindere dal litigio o dai rapporti che avevate prima ogni volta che un bene e/o una presenza viene rimossa la persona che viene a mancare aumenta nella scala del valore percepita

Perché attraggo solo uomini sbagliati?

TUTTI GLI ARTICOLI

Definirei inizialmente “l’uomo sbagliato”. A volte il fatto di attrarre a noi persone che definiamo sbagliate ha qualcosa di più profondo da rivelarci.

E’ possibile che la persona che noi, definiamo sbagliata, in realtà abbia soltanto messo in evidenza dei possibili tratti di carattere/comportamentali che noi abbiamo e che forse tendiamo ad Ignorare. Tuttavia, sarebbe funzionale, almeno all’inizio, applicare una scrematura che segua in modo più specifico quelli che sono i tuoi standard e/o limiti nei confronti di un nuovo potenziale partner/frequentazione.

La prima volta a letto con lui è andata male

TUTTI GLI ARTICOLI

Mi soffermerei sul comportamento dell’altro. Un uomo che reagisce in modo così “brutale” ad un “flop” fra le lenzuola, accusando esclusivamente te, manca di empatia a mio avviso. Incapace di fare un minimo di autocritica, pur di salvaguardare la sua mascolinità all’interno della relazione e/o con l’altro sesso, ti accusa senza problemi.

L’ambito “lenzuola” al di là della linea guida generale è iper soggettivo e dipende dalla persona che hai davanti. La soluzione migliore sarebbe prendere atto del fatto che una persona che ti accusa in questo modo potrebbe non darti ciò che aneli nel lungo termine

Come farlo parlare ed esprimersi in amore

TUTTI GLI ARTICOLI

Per far si che l’altro esprima le sue emozioni penso sia potenzialmente funzionale cercare di premiarlo qualora riesca a fare quanto da te richiesto. Per riuscire a condizionarlo nell’espressione delle emozioni puoi usare un prospetto futuro di “premio”.

Questo significa che a condizione della sua capacità di esprimere le emozioni che prova e che tu vorresti esprima, puoi prospettargli qualcosa di positivo fra voi ergo “Se esprimi le tue emozioni, potresti rendermi più facile aprirmi/concedermi ecc ecc. esserti più vicina e così via”

Sono in una relazione da circa due anni, in cui ci siamo lasciati e ripresi per 3 volte

TUTTI GLI ARTICOLI

In questa situazione sarebbe ottimale evitare di ritornare con chi sei già stato in passato e che tra l’altro ti ha dimostrato di non poter creare qualcosa di potenzialmente stabile. L’amore è ok fino al punto in cui viene contraccambiato e finché ti rende felice. Dovrebbe teoricamente essere un bonus e non un requisito per la tua felicità\benessere.

L’unico consiglio che mi sento di darti è quello di guardare avanti e ripartire corteggiando principalmente te stesso una volta tagliati i ponti.

Considerazioni sullo sviluppo di una relazione “potenzialmente” funzionale

TUTTI GLI ARTICOLI

Alti e bassi fanno parte della vita in generale. Le espressioni emotive sono altalenanti e si passa da fasi positive a fasi negative. Secondo me il trucco sta nel saper bilanciare e usare nella gran parte delle volte un tipo di visione propositiva. Sostenere la felicità dell’altro senza secondi fini è alla base per costruire qualcosa di “potenzialmente” sano. Chiaro è che ci sarà sempre l’inaspettato dietro l’angolo, ma nel lungo termine bisogna comprendere che si entra in una relazione non soltanto per prendere, ma per dare.

Come non illudersi all’inizio di una frequentazione

TUTTI GLI ARTICOLI

Dovresti andarci con i piedi di piombo e con molta calma. Quando sei agli inizi di una frequentazione ci sono due cose da tenere sempre a mente.
1. “Volere qualcosa di più” fin dall’inizio è errato, casomai si ambisce a volere qualcosa di più rivalutando se la persona che frequenti possa rivelarsi con il passare del tempo quella adatta a te.
2. Se ha atteggiamenti fedifraghi fin dall’inizio e/o TRADISCE la sua ragazza con te allora le probabilità che possa rifarlo con te sono più elevate.
L’idea è quella di “uscire & divertirsi” lasciando che lui corteggi te innescando così il processo di innamoramento iniziale